La nuova politica industriale in Polonia

Home » News » La nuova politica industriale in Polonia

La nuova politica industriale in Polonia

Giugno 16, 2021

Aggiornamento al 15.08.2021

Annunciato come “volano dell’industria polacca” dal vice primo ministro e ministro dello sviluppo Jarosław Gowin, nella presentazione della nuova politica industriale polacca si legge: “La Polonia affronta sfide sociali, ambientali ed economiche a lungo termine. Non sarà possibile soddisfarle senza una politica industriale ambiziosa, strategicamente orientata, flessibile e su misura, che assicuri la resilienza agli shock economici e sostenga la costruzione di posizioni competitive delle imprese.”

L’obiettivo è quello di affrontare le sfide in settori quali la salute, l’energia green e la trasformazione digitale, solo per citarne alcune, attraverso una strategia per il miglioramento della produttività che affronti le questioni con un approccio settoriale e che, per la stesura del documento, coinvolga i rappresentanti delle industrie.

La politica industriale si baserà sullo sviluppo delle Key Enabling Technologies (KETs), un gruppo di sei tecnologie: micro e nanoelettronica, nanotecnologia, biotecnologia industriale, materiali avanzati, fotonica e tecnologie di produzione avanzate, per l’incremento dell’innovazione industriale e della produttività nazionale.

Le prime consultazioni con le industrie sono terminate il 31 gennaio 2021 e hanno dato luogo a una prima versione del White Paper. Questo verrà ancora una volta sottoposto alla consultazione delle industrie, le cui conclusioni saranno la base per lanciare i necessari cambiamenti legislativi e serviranno a costruire il più completo catalogo di strumenti di sostegno per le singole industrie. Il completamento dei lavori è previsto per il secondo trimestre 2021.

Gli assi di sviluppo

La politica industriale ruota attorno 5 assi di sviluppo:

  • Digitalizzazione – migliorare le attività industriali dalla progettazione del prodotto al cambiamento dei modelli di business usando le tecnologie digitali;
  • Sicurezza – in termini di tecnologia e materie prime, compreso la ricostruzione della capacità produttiva di prodotti chiave necessari per garantire la sicurezza dei cittadini, quali prodotti farmaceutici o medici;

(Agg. 16/07): questo settore è molto rilevante secondo il governo, infatti, all’inizio di luglio, Il primo ministro Jarosław Gowin, il vice ministro Iwona Michałek e la vice ministra Anna Kornecka, hanno visitato l’impianto di materiali per medicazione di Neuca, a Toruń. L’ azienda opera nel campo dell’assistenza sanitaria e della produzione di dispositivi medici. L’industria farmaceutica, biotecnologica e dei dispositivi medici  è un settore molto rilevante dell’economia. La pandemia ha dimostrato l’importanza di garantire l’accesso a medicinali che soddisfino le esigenze sanitarie della società. Il Primo Ministro Jarosław Gowin ha così sottolineato: ”l’esperienza della pandemia di COVID-19 dimostra chiaramente la necessità di modernizzare il modo in cui la Polonia fornisce l’accesso ai medicinali per i suoi cittadini. L’intelligenza artificiale  ci permetterà di avere un trattamento moderno che possa, non solo essere innovativo, ma anche più efficace in termini di tempo e costi. La digitalizzazione delle aree di business chiave, può aiutare le aziende a ridurre il loro ciclo di ingresso nel mercato dei medicinali. Vogliamo sostenere lo sviluppo dell’industria farmaceutica, delle biotecnologie e dei dispositivi medici, motivo per cui li abbiamo definite industrie strategiche.” [1]


[1] https://www.gov.pl/web/rozwoj-praca-technologia/rozwoj-i-przedsiebiorczosc–premier-jaroslaw-gowin-z-wizyta-w-toruniu

  • Localizzazione della produzione industriale – garantire l’autonomia economica, accorciare le catene di approvvigionamento e diversificare le fonti di materie prime e semilavorati;
  • Green Deal – accelerare la trasformazione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, compresa un’economia circolare;

(AGG. 15/08) Il ministro Kornecka ha lavorato intensamente sull’emendamento alla legge sugli investimenti nei parchi eolici. Gli alti costi del carbone domestico e il cambiamento climatico incoraggiano l’ottenimento di energia da fonti diverse dai combustibili fossili. L’obiettivo è quello di utilizzare il potenziale nazionale dell’energia eolica e portare ad un aumento della produzione di energia da fonti rinnovabili. Il ministro Kornecka ha ripetutamente ribadito:” l’energia verde è più economica e bisogna sbloccare soprattutto il settore eolico. Ciò, ha un impatto diretto sui prezzi finali dell’energia per i consumatori e sulla competitività dell’economia polacca.  Inoltre, gli investitori che vogliono investire nel nostro Paese chiedono informazioni sulla disponibilità della cosiddetta energia verde. Per affrontare queste sfide, dobbiamo sbloccare lo sviluppo di questo settore.” [2]

(AGG 15/08) Secondo quanto annunciato dal Centro Nazionale di Ricerca e Sviluppo Polacco è stato indotto il settimo concorso di GOSPOSTRATEG, un programma strategico di lavori di ricerca scientifica e di sviluppo che mira ad aumentare l’uso dei risultati della ricerca socioeconomica nella definizione delle politiche di sviluppo nazionali e regionali entro il 2028.

“La ricerca scientifica permette la realizzazione di progetti a beneficio della società e dell’economia. Così, stimoliamo le aree che richiedono azioni necessarie. Attraverso l’attuazione del programma GOSPOSTRATEG vogliamo colmare le lacune in aree importanti che sono necessarie per lo sviluppo del paese. […] Questa volta, nell’ambito del concorso GOSPOSTRATEG, stiamo affrontando due questioni che fanno parte della necessità di sviluppare le FER nel nostro paese. Sappiamo che una delle sfide chiave dell’economia polacca è assicurare una trasformazione energetica e climatica organizzata e responsabile. […] Ecco perché offriamo il nostro sostegno nella ricostruzione dell’industria polacca dell’energia eolica offshore e nella creazione di un programma completo di sviluppo del fotovoltaico […]”, spiega il dottor Wojciech Kamieniecki, direttore del Centro Nazionale di Ricerca e Sviluppo.

Inoltre, su iniziativa del Ministero del Clima e dell’Ambiente, la tecnologia in più rapida crescita per la generazione di elettricità è il fotovoltaico. La crescente popolarità di questo contribuisce significativamente alla diversificazione della struttura nazionale delle fonti di generazione di energia e lo sviluppo del fotovoltaico permette anche di aumentare la sicurezza dell’approvvigionamento energetico a un prezzo accettabile per i consumatori e l’industria. L’obiettivo principale del lavoro previsto è quello di sviluppare un modello per gestire il programma di sviluppo del fotovoltaico in Polonia, tenendo conto di tutte le questioni: dalla produzione di energia, attraverso la distribuzione, lo stoccaggio e la capacità di produzione della catena di approvvigionamento locale.[3]


[2]https://www.gov.pl/web/rozwoj-praca-technologia/wiceminister-anna-kornecka-11-projektow-w-9-miesiecy


[3] https://www.gov.pl/web/ncbr/wsparcie-spolecznego-i-gospodarczego-rozwoju-polski-ncbr-oglasza-siodmy-konkurs-gospostrateg

  • Società moderna – abbinare le competenze della forza lavoro alle esigenze del mercato del lavoro

Per l’attuazione, gli strumenti indicati possono essere:

  • Deregolamentazione – rimozione delle barriere legali esistenti allo sviluppo industriale;
  • Contratti di settore – accordi tra il governo e i rappresentanti delle singole industrie, dove entrambe le parti si impegnano ad azioni specifiche, ad esempio il governo a migliorare la regolamentazione, gli investimenti in infrastrutture, il finanziamento della ricerca scientifica, e l’industria – a investimenti, riduzione delle emissioni, formazione dei dipendenti o a trasferimenti di conoscenze;

(Agg. 16/07): L’accordo sarà strutturato con gli obiettivi precisi, i risultati attesi e la durata, che andranno a definire l’impegno di entrambe le parti che stipuleranno il contratto.

  • Agende di ricerca / Programmi settoriali – creazione di programmi di ricerca e sviluppo a sostegno delle industrie, che saranno preceduti da un dialogo strutturato con le imprese;
  • Supporto per le competenze necessarie alle industrie – sviluppo delle competenze dei dipendenti per mantenere le operazioni correnti e garantire le attività future;
  • Politica degli acquisti – regole appropriate per gli appalti pubblici che stimolano lo sviluppo dell’industria nel campo delle nuove tecnologie, della cooperazione, dei prodotti innovativi e dei loro standard;
  • Sostegno all’esportazione e all’espansione all’estero – promozione dell’economia polacca sui mercati esteri, coinvolgimento attivo della diplomazia economica nel sostenere l’espansione all’estero delle imprese polacche, sostegno agli investimenti nazionali all’estero.

(Agg:15/08) La cooperazione transatlantica, le questioni relative alla riforma dell’OMC e le relazioni economiche polacco-americane sono stati i temi principali della videoconferenza di inizio agosto del vice primo ministro Jarosław Gowin con la rappresentante per il commercio degli Stati Uniti, Katherine Tai.

L’intervista è stata organizzata su iniziativa della parte americana. Nelle ultime settimane si è trattato del terzo incontro tra il vice primo ministro Jaroslaw Gowin e un alto rappresentante dell’amministrazione degli Stati Uniti.

Anche il vice primo ministro Jaroslaw Gowin e la rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Katherine Tai hanno parlato degli investimenti americani in Polonia. Gli Stati Uniti sono uno dei partner commerciali più importanti della Polonia al di fuori dell’Unione europea: sono il secondo mercato di esportazione e terzo mercato di importazione. Nel 2020, il commercio reciproco è stato pari a 15,5 miliardi di dollari. Nel primo trimestre del 2021, le esportazioni polacche sono aumentate del 14% . Durante l’incontro sono stati discussi anche altri temi tra i quali: la cooperazione transatlantica, la cybersecurity, e-commerce, regole di concorrenza e sviluppo dell’innovazione digitale. [4]


[4] https://www.gov.pl/web/rozwoj-praca-technologia/wicepremier-jaroslaw-gowin-spotkal-sie-z-przedstawiciel-usa-do-spraw-handlu-katherine-tai

I primi commenti

In un’intervista a PAP, il dottor Wojciech Warski, esperto dei datori di lavoro in Polonia, ha detto che il contratto industriale sarà di fondamentale importanza nell’attuazione della nuova politica industriale polacca. Il contratto industriale è uno strumento di grande potere causale, a condizione che sia implementato in modo efficace. Sottolinea che la Politica Industriale potrebbe produrre risultati sorprendenti, se il Ministero dello Sviluppo, del Lavoro e della Tecnologia avesse il potere di spingere l’attuazione dei compiti stabiliti nel Libro Bianco per i vari ministeri a livello di tutto il governo.

Tuttavia, Warski ritiene che l’attuazione della politica sarà difficile: “Lo scopo del programma è di sostituire l’industria ad alta intensità di lavoro con l’industria ad alta intensità di capitale, cioè di costruire un’economia basata su mezzi di produzione moderni.” Il maggiore ostacolo riguarda la difficoltà nei finanziamenti che potrebbe seriamente minare l’attuazione del piano se la Polonia non ottenesse un appetito dai capitali privati.

(Agg. 16/07): Per quanto riguarda la complessità del fare impresa, secondo l’ultima edizione di una classifica stilata da TMF Group, società multinazionale che fornisce servizi professionali alle imprese internazionali, che esamina 292 indicatori relativi a legislazione, compliance, contabilità, fiscalità, risorse umane e procedure paghe nei Paesi, la Polonia è salita di 24 posizioni rispetto allo scorso anno nel Global Business Complexity Index (GBCI). Gli autori del rapporto citano confusione sulla legislazione in rapida evoluzione a causa della pandemia di coronavirus, la necessità di traduzioni ufficiali e problemi con la digitalizzazione. [5]



[5] https://www.iati.co.il/files/files/Global%20Business%20Complexity%20Index%202021-%20Bringing%20clarity%20to%20the%20complexities%20of%20corporate%20compliance.pdf


Warski ha anche valutato positivamente la deregolamentazione e la necessaria riforma del sistema di istruzione professionale.[6]


[6] https://forsal.pl/gospodarka/aktualnosci/artykuly/8189986,nowa-polityka-przemyslowa-polski-ekspert-jej-realizacja-bedzie-wymagala-kontraktu-branzowego.html



Jacek Męcina, consigliere di Konfederacja Lewiatan, ha espresso un parere positivo: “L’idea stessa di creare un documento strategico, che discuta le direzioni e le priorità dello sviluppo dell’industria, l’eliminazione delle barriere, ben indicate, in consultazione con la comunità imprenditoriale e infine la progettazione di strumenti di sostegno e azioni da parte della pubblica amministrazione, merita un elogio”.

Męcina si augura che si tenga anche conto della cooperazione strategica richiesta fra imprese e governi locali per raggiungere la sinergia negli investimenti in digitalizzazione, fonti di energia rinnovabile, efficienza energetica, a suo modo mancante nella formulazione del documento.

Per il consigliere, la politica industriale è un’enorme sfida di modernizzazione per cui è necessario progettare già oggi un approccio strategico alla ristrutturazione di alcuni settori, come quello minerario, metallurgico ed energetico. Ciò significherebbe pianificare gli investimenti e limitare gli effetti sociali della ristrutturazione.

(Agg. 16/07): Su questo versante, si è mosso il gigante petrolifero statale polacco PKN Orlen, che gestisce una vasta rete di distributori di benzina, lanciando il suo primo negozio autonomo. Mira ad aprirne altre centinaia nei prossimi cinque anni.

Il nuovo formato fa parte di una spinta dell’azienda, che è la più grande in Polonia per fatturato, a diversificare in vendita al dettaglio e servizi di corriere, in risposta al calo della domanda di petrolio. Orlen si è impegnata a investire 11 miliardi di zloty (2,4 miliardi di euro) entro il 2030 per costruire la sua rete di vendita al dettaglio.

Patrycja Klarecka, membro del consiglio di amministrazione responsabile della vendita al dettaglio, ha dichiarato all’emittente statale TVP che i prossimi punti vendita verranno aperti nelle città di Bydgoszcz e Wrocław, seguite da Lublino, Katowice, Zabrze e Bytom. Ognuna avrà una superficie che va da 20 a 60-70 metri quadrati.

“Seguiamo da vicino tutte le tendenze dei consumatori”, ha affermato Klarecka, spiegando che il nuovo formato si basava sulle analisi di mercato dell’azienda. [7]


[7] https://notesfrompoland.com/2021/06/23/polish-state-owned-oil-giant-opens-first-stand-alone-store-in-drive-to-diversify-away-from-fuel/


Mentre le economie sviluppate operano in un modello ad alta intensità di capitale, la Polonia è in gran parte ad alta intensità di lavoro. La pandemia ha tuttavia spinto le aziende polacche a pensare a nuovi investimenti in automazione e robotizzazione: secondo il Barometro del lavoro, quasi i 2/3 delle aziende pensano a questi investimenti e quasi il 10% ha avviato tali attività.[8]

[8] http://konfederacjalewiatan.pl/aktualnosci/2021/1/polityka_przemyslowa_dobra_diagnoza_dla_polskiego_biznesu_

Fonti principali:
https://www.gov.pl/web/rozwoj-praca-technologia/polityka-przemyslowa-polski
https://www.gov.pl/attachment/d360e318-b1d1-42d2-92bc-49d33fdb8ef7
https://forsal.pl/gospodarka/aktualnosci/artykuly/8189986,nowa-polityka-przemyslowa-polski-ekspert-jej-realizacja-bedzie-wymagala-kontraktu-branzowego.html
http://konfederacjalewiatan.pl/aktualnosci/2021/1/polityka_przemyslowa_dobra_diagnoza_dla_polskiego_biznesu_
https://www.money.pl/gospodarka/polityka-przemyslowa-polski-gowin-prezentuje-nowy-program-6648447339477888a.html

https://www.iati.co.il/files/files/Global%20Business%20Complexity%20Index%202021-%20Bringing%20clarity%20to%20the%20complexities%20of%20corporate%20compliance.pdf

https://notesfrompoland.com/2021/06/23/polish-state-owned-oil-giant-opens-first-stand-alone-store-in-drive-to-diversify-away-from-fuel/

https://www.gov.pl/web/rozwoj-praca-technologia/wiceminister-anna-kornecka-11-projektow-w-9-miesiecy

https://www.gov.pl/web/ncbr/wsparcie-spolecznego-i-gospodarczego-rozwoju-polski-ncbr-oglasza-siodmy-konkurs-gospostrateg

https://www.gov.pl/web/rozwoj-praca-technologia/wicepremier-jaroslaw-gowin-spotkal-sie-z-przedstawiciel-usa-do-spraw-handlu-katherine-tai

Unisciti alla più grande community imprenditoriale italiana in Polonia

Sei un imprenditore e vuoi contribuire alla crescita della comunità del business italiano in Polonia? Sei anche tu appena arrivato in Polonia e vuoi sviluppare i tuoi contatti tra i connazionali italiani? La nostra membership è rivolta a imprenditori italiani, polacchi o di altre nazionalità che hanno in comune l’amore per l’Italia.

Elisabetta Caprino
Managing Director